music_note

Animali

COVID19: IL FIUTO DEI CANI MEGLIO DEI TAMPONI!

todayNovembre 25, 2020 10

Sfondo
share close

Il fiuto dei cani è meglio dei tamponi. Questo è ciò che si sa da sempre. A quanto pare, l’università della Germania ha avuto un lampo di genio: i cani possono arrivare a fiutare il covid prima che si manifestino i sintomi solo sentendo l’odore del sudore delle persone.

Il fiuto dei cani è meglio dei tamponi: affermazioni importanti dal mondo della veterinaria. Se da un lato fanno sorridere, dall’altro ci fanno riflettere.  Le stanno pensando tutte per attuare metodi di prevenzione per il contrasto al virus.

A quanto pare, a dare un contributo in questo periodo potrebbero esserci anche i cani che con il loro fiuto potrebbero arrivare a segnalare le persone contagiate ancor prima che si manifestino i sintomi. Secondo quanto riportato dalla rivista Nature, sono già cominciati addestramenti e ricerche a seguito di risultati sorprendenti. Diverse sono le razze canine che hanno cominciato l’addestramento e tra queste ci sono gli Asher, Storm e Maple. Possono essere un buono strumento di screaning all’interno di luoghi affollati e dove sicuramente tante persone possono sfuggire al controllo manuale.

Il fiuto canino potrà sostituire i test?

Lungi dal pensare che i cani possano in un qual modo sostituire le pratiche offerte dalla medicina in merito a questo tema. L’introduzione della nuova pratica di segnalazione non vuole e non mette in discussione il ruolo delle pratiche mediche di rilevazione del contagio. Viene semplicemente sottolineato il grande apporto che, i nostri amici a quattro zampe, potrebbero dare alla comunità per la lotta contro il virus. Secondo alcuni risultati, i cani sottoposti all’esercizio sono riusciti ad individuare l’83% dei casi positivi e il 96% di quelli negativi.

I cani hanno un fiuto eccezionale. Questa non è solo una frase di contingenza. I cani hanno circa 300 milioni di recettori di odori, rispetto ai 5 milioni di cui dispongono gli esseri umani. Secondo quanto riportato dall’università di Helsinki, i cani sono stati addestrati a riconoscere l’odore del virus dai campioni di sudore o di urina. In caso di positività emettono un suono specifico, mentre di fronte ad uno negativo il cane non manifesta alcuna reazione.

Probabilmente un modo alternativo per contrastare l’avanzata di questa pandemia, ma attraverso studi, ricerche e addestramenti si è dimostrata una pratica funzionale. 

Per oggi è tutto ma continuate a seguirci sulla nostra radio dell’intrattenimento. 

Scritto da: admin

Rate it

Articolo precedente

Chadia Rodriguez

Musica & News

CHADIA RODRIGUEZ: PROGETTO CONTRO IL BODYSHAMING!

I tempi attuali si stanno mostrando estremamente turbolenti e i fatti di cronaca lasciano un pensiero amaro su tutto ciò che sta accadendo. Una pandemia mondiale in corso, l’economia in ginocchio, necessità e problemi all’ordine del giorno, diritti naturali che vengono soffocati e ancora body shaming.

todayNovembre 24, 2020 44

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%