music_note

News

BELGIO: COMPAGNO DI COCCOLE IN LOCKDOWN!

todayNovembre 13, 2020 10

Sfondo
share close

L’hanno chiamato KNUFFELCONTACT, il compagno di coccole in Belgio per far fronte alla solitudine che il nuovo lockdown porterà con sé. I single possono averne due!

Il premier del Belgio annuncia così, all’incipit del mese di novembre un lockdown che durerà fino al 13 dicembre. Si annuncia la volontà di non isolare, ma semplicemente confinare.

Confinare significa avere la possibilità di qualcuno che possa condividere le mura domestiche con noi. Un compagno di coccole, così è stato chiamato. Ogni membro della famigli potrà averne uno e per chi vive da solo ne potrà avere due.

Come funziona?

Le famiglie possono invitarne a casa uno alla volta. Ovviamente, quando è presente questo compagno, la famiglia ospitante non può ricevere ulteriori visite. Si tratta di una concessione? Di uno strappo alla regola? Probabilmente si, ma uno strappo in grado di alleviare il peso di un mood psicologico che non trae a vantaggio di nessuno. La chiusura, il confinamento, lo stare in casa è stato pensato per cercare di tutelare lo status fisico delle persone. La salute viene messa al primo posto. Ma la salute fisica è l’unica che conta? Probabilmente no.

Per questo il Belgio ha pensato ad un compagno di coccole, alla possibilità di vedere persone al di fuori del nucleo famigliare, che sia una, massimo due, nel caso in cui si viva da soli. Vedere persone, conoscenti, amici, compagni di coccole può essere una soluzione per cercare di abbattere lo stress psicologico rafforzato in tutto questo periodo.

Mens sana in corpore sano dicevano alcuni. Una teoria non del tutto sbagliata, anzi! In questo periodo a quanto pare, soprattutto per il Belgio, è risultata essere una soluzione efficace. Non mancano le misure di restrizione, questo si. Bisogna stare attenti ed essere cauti, ma allo stesso tempo è giusto non privare le persone di tutta la libertà di cui godevano prima.

Scritto da: admin

Rate it

Articolo precedente

Mike Tyson

Sport

Mike Tyson: confessione shock!

Mike Tyson utilizza un whizzinator, un pene finto con una borsa incorporata in grado di trattenere la pipì di un’altra persona. Una “tattica” usata per superare i test antidoping confessa il pugile.  

todayNovembre 12, 2020 30

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%